Trapani, Castello della Colombaia e dintorni.

Il Castello della Colombaia fu costruito ai tempi della prima guerra punica quale baluardo a difesa dell’ingresso del porto, successivamente fu adibito a luogo di reclusione e rimase tale fino all’anno 1963.

Cornino (TP), lo sbarco della Madonna.

Cornino (TP), Lo sbarco della Madonna di Custonaci

A Custonaci (TP), la settimana che precede l’ultimo mercoledì di agosto, viene festeggiata Maria SS. di Custonaci. Il lunedì viene riproposta la rievocazione storica dello sbarco della Madonna presso la cala della baia di Cornino. Una tavola cinquecentesca, raffigurante la Madonna e il bambin Gesù, trasportata da un veliero seguito da uno stuolo di barche, viene consegnata a pescatori locali su una barchetta e portata sulla terra ferma. Un momento molto affascinante e suggestivo, da vivere assolutamente.


Sciacca (AG)

Sciacca, in provincia di Agrigento,è il comune più popoloso dopo il capoluogo.

Città marinara, turistica e termale, è nota fra l’altro per il suo storico carnevale e per la sua ceramica.


Realmonte (AG)

A ovest di Agrigento si trova il paese di Realmonte, dove si può ammirare lo spettacolo naturale della Scala dei Turchi, un’insolita scogliera bianca a scalini che si affaccia su spiagge sabbiose.


Agrigento

Agrigento, città collinare a ridosso della costa sudoccidentale della Sicilia, è famosa per le rovine dell’antica città di Akragas e per la Valle dei Templi, un vasto sito archeologico con templi greci conservati molto bene.

La valle dei Templi

 


Marzamemi (SR)

Marzamemi

Marzamemi è un piccolo Borgo di origine marinara in provincia di Siracusa.

Di fronte al borgo si trovano due isolette di cui la più piccola è completamente occupata da un elegante villino di proprietà della famiglia del Prof. R. Brancati.

Gli abitanti del borgo sono tutti dediti alla pesca.

Piazza Regina Margherita, la piazza del paese, è attorniata da casette di pescatori e su di essa si affacciano due chiese, una vecchia e una nuova, tutte e due dedicate a San Francesco di Paola, protettore della borgata, e il Palazzo del Principe di Villadorata, proprietario della tonnara.


 

Tramonti Siciliani

Ecco alcuni tramonti che possono essere ammirati visitando la Sicilia.

previous arrow
next arrow
previous arrownext arrow
Slider

ENNA

Piazza Armerina (ENNA)

Piazza Armerina è un comune italiano della provincia di Enna in Sicilia.

È una splendida città d’arte, incastonata nel centro della Sicilia, d’impianto medievale con un pregevole centro storico barocco e normanno. Sul suo territorio si trova la Villa romana del Casale con i suoi famosi mosaici.

Città d’arte con forte richiamo turistico per il suo importante patrimonio archeologico, storico, artistico e naturale, nota come la “Città dei Mosaici “.

Tra i Monumenti e luoghi d’interesse si segnalano:

  • la Cattedrale dedicata a Maria Santissima Delle Vittorie, un grande edificio di culto di stile misto goticomanierista barocco, con un campanile alto 40 m;
  • la Chiesa di San Rocco (anche detta di “Fundrò”), con un  ricco portale barocco. I locali dell’annesso monastero benedettino ospitano gli uffici comunali;
  • La Chiesa di S. Ignazio;
  • il Teatro Garibaldi;
  • la Mostra permanente della Civiltà dello Zolfo che ha sede nei locali della Lega Zolfatai in via Garibaldi. 

 

 

 

Villa Romana del Casale

La Villa romana del Casale è un edificio abitativo tardo antico, popolarmente definito villa nonostante non abbia i caratteri della villa romana extraurbana quanto piuttosto del palazzo urbano imperiale, i cui resti sono situati a circa quattro chilometri da Piazza Armerina, in Sicilia.  Il suo fascino è dovuto soprattutto agli incantevoli mosaici, considerati i più belli e meglio conservati nel loro genere.

L’antica villa, per la sua bellezza e l’eccezionale ricchezza di elementi architettonici e decorativi, può considerarsi  uno degli esempi più significativi di dimora di rappresentanza.

Dal 1997 fa parte dei Patrimoni dell’umanità dell’UNESCO.

 

 

 

Area archeologica di Morgantina.

Nel centro della Sicilia, nel territorio di Aidone, comune italiano della provincia di Enna, troviamo i resti di  Morgantina antica città sicula e greca.

Da questo sito archeologico provengono importantissimi reperti archeologici come la Venere di Morgantina, attualmente custodita presso il museo archeologico di Aidone e il Tesoro di Morgantina.

l sito antico di Morgantina offre al visitatore il quadro di oltre mille anni di storia, dalla fondazione della città in età preistorica fino al suo declino, avvenuto nell’età imperiale romana.

 

 

Ragusa

Provincia di Ragusa

 

 

Ragusa e Ragusa Ibla

 

 

Modica

 

 

Scicli

 

 

Donnafugata

Il castello di Donnafugata si trova nel territorio del comune di Ragusa, a circa 15 chilometri dalla città e accoglie i visitatori con una facciata in stile neogotico, coronata da due torri laterali.

Il castello, si sviluppa su tre piani e su una superficie di circa 2500mq., conta oltre 120 stanze di cui solo una ventina visitabili.

Intorno al castello si trova un ampio parco con alcune “grotte” artificiali dotate di finte stalattiti (sotto il tempietto) e un particolare labirinto in pietra costruito nella tipica muratura a secco del ragusano.

 

 

Marina di Ragusa

Marina di Ragusa è una frazione di Ragusa situata sulle sponde del Mar Mediterraneo. Si trova a circa 25 km da Ragusa ed è caratterizzata da una lunga spiaggia sabbiosa.

 

 

Marina di Ragusa – Punta Secca

Punta Secca è un piccolo borgo marinaro, frazione di Santa Croce Camerina in provincia di Ragusa, che prende il nome, probabilmente dalla presenza di una piccola formazione di scogli di fronte alla spiaggia di levante, appunto una “secca”.

Il borgo deve la sua recente popolarità al fatto che qui è stato ambientato uno dei set cinematografici delle serie televisive Il commissario Montalbano. La casa di Salvo Montalbano si trova, nelle serie, in una villetta nella piazzetta del borgo.

Da vedere il faro di Punta Secca, un faro a ottica fissa.

 

Scicli

Scicli

Scicli, altro comune della provincia  di Ragusa in Sicilia, fa parte insieme ad altri sette comuni della lista delle Città tardo barocche del Val di Noto; il suo centro storico è stato insignito del titolo di Patrimonio dell’Umanità da parte dell’UNESCO,

Tra i suoi principali monumenti si segnalano:

  • Palazzo di Città (Municipio): sede del Comune;
  • Chiesa di San Matteo, simbolo di Scicli e chiesa Madre fino al 1874, posta sull’omonimo colle di San Matteo, sito della città vecchia. È l’edificio ecclesiastico più antico della Città.
  • Chiesa di San Guglielmo (ex Chiesa di Sant’Ignazio di Loyola): della prima metà del Settecento, è la Chiesa Madre della città dal 1874.
  • Chiesa di San Giovanni Evangelista con la facciata concavo.
  • Chiesa di San Bartolomeo Apostolo: risale ai primi anni del XV secolo; inserita nella “cava” omonima, la cui facciata a torre dei primi dell’Ottocento riprende temi già sviluppati a ragusa.
  • Chiesa di San Michele: come la vicina chiesa di S. Giovanni mostra una struttura architettonica palesemente settecentesca.
  • Chiesa di Maria Santissima della Consolazione: la struttura attuale delle navate resistette al sisma del 1693 e risale al 1600 circa.
  • Chiesa di Santa Maria La Nova: di origini antichissime (probabilmente bizantine), dal 1994 è sede del Santuario di Maria SS. della Pietà.
  • Convento del Rosario, sull’omonimo colle.
  • Complesso del Carmine.