Edimburgo (Scozia)

Edimburgo (Scozia)

Edimburgo, capitale della Scozia,sorge sull’estuario del fiume Forth che sfocia nel Mare del Nord. In ogni angolo di questa affascinante città si respira la storia e allo stesso tempo, si percepisce la modernità di un centro europeo vivace e multiculturale.
Lungo le sue strade si esibiscono suonatori di cornamuse.
Da visitare:
La Città Vecchia (Old Town), colma di strade acciottolate;
La Città Nuova (New Town): dove si può ammirare lo splendore Georgiano. Entrambe queste aree della città fanno parte del Patrimonio Mondiale dell’Umanità dell’UNESCO.
Il Castello di Edimburgo, costruito su un vulcano spento, che dall’alto della sua mole domina tutta la città. Nella fortezza sono custoditi i tesori della Corona Scozzese.
Il Royal Mile,la strada che attraversa la Città Vecchia di Edimburgo andando dal Castello alla residenza reale di Holyroodhouse (Il Palazzo della Regina).
Calton Hill, una collina adornata da monumenti ispirati all’architettura della Grecia antica. Anche per questo Edimburgo è stata soprannominata in passato “Atene del Nord”.

Atene

Atene (Grecia)

Atene, capitale della Grecia e capoluogo dell’Attica, considerando l’intero agglomerato urbano, arriva a quasi 5.000.000 di abitanti.
Secondo la mitologia, Atena, figlia di Zeus, e Poseidone si contesero la custodia della città sfidandosi sull’Acropoli. Atena vinse e regalò al popolo un ulivo, pianta rimasta sacra da allora, simbolo di pace, serenità e prudenza.
Il suo gioiello è l’Acropoli, una cittadella in cima a una collina dove sorgono antichi edifici come il Partenone con le sue colonne e l’Eretteo, su pianta studiata per racchiudere i vari culti (cella di Posidone Eretteo; cella di Atena Poliade; loggetta delle Cariatidi).
Inoltre, da visitare assolutamente il Museo dell’Acropoli e il Museo archeologico nazionale che conservano sculture, vasi, gioielli e altri reperti dell’antica Grecia.

Budapest

Budapest

Budapest è senza dubbio una delle capitali europee più belle e ricche di cose da vedere,  un gioiello dove monumenti e tesori nascosti sbucano dietro ogni angolo.

Ecco quali sono le migliori cose da vedere a Budapest:

Parlamento ungherese

Simbolo incontrastato di Budapest, il Parlamento Ungherese si affaccia sul Danubio di fronte al Bastione dei Pescatori. La sua architettura neogotica ricorda il palazzo di Westminster di Londra, ma si distingue per la sua cupola e per le sue enormi dimensioni, infatti è lungo268 m. e alto 96. E’ possibile visitarlo prendendo parte ad un tour guidato

Castello di Buda

Dall’alto della collina di Buda, il Castello di Buda domina la capitale ungherese. Dal castello il panorama sulla città è unico: si può vedere l’edificio del parlamento sulla sponda opposta del Danubio, il Duomo e l’intero quartiere di Pest.  Dal 1987 è stato inserito dall’UNESCO nella lista dei patrimoni dell’Umanità. Il castello è raggiungibile dal Ponte delle Catene a piedi o utilizzando la caratteristica funicolare (SIKLO) che si inerpica sulla ripida collina.

 Ponte delle Catene

Il Ponte delle Catene è il più famoso ponte che attraversa il Danubio a Budapest. Due statue di leoni, poste ad ogni lato adornano il ponte ed è senza dubbio uno dei simboli della città. La notte invece viene illuminato, donando alla città un’atmosfera magica.

 Piazzale degli Eroi

Il Piazzale degli Eroi è una delle piazze simbolo di Budapest. Si trova al nord del centro, vicino al parco Varosliget, e vi si affacciano il Museo di belle arti e la Galleria d’arte Mucsarnoc. Nel centro del Piazzale degli Eroi si staglia il Monumento del Millenario, una colonna ai cui piedi si trovano statue dei capi delle tribù magiare che hanno fatto la storia dell’Ungheria. Sul retro del piazzale vi sono due arcate semicircolari che ospitano un colonnato, dove sono state installate sculture che ritraggono statisti e condottieri ungheresi.

Isola Margherita

L’Isola Margherita si trova nel bel mezzo del Danubio. E’ uno dei parchi cittadini più frequentati, ma qui vi si trova anche un giardino giapponese, uno zoo e alcune installazioni come fontane e padiglioni.

Vaci Utca

Vaci Utca è la più famosa via pedonale del centro di Budapest. Collega il mercato centrale di Budapest con piazza Vorosmarty ed è affollata a ogni ora del giorno e della notte.

Duomo di Santo Stefano

La Basilica di Stanto Stefano è il duomo della capitale ungherese. Si trova nel quartiere di Pest ed è una delle chiese più belle della città. Ha una pianta a croce greca, al cui incrocio si staglia una magnifica cupola che raggiunge la stessa altezza della cupola del palazzo del Parlamento, in modo da sottolineare l’uguale importanza di religione e politica.

Bastione dei Pescatori

Il Bastione dei Pescatori si trova vicino alla chiesa di Mattia nel quartiere del Castello, e la sua forma inconfondibile l’ha reso presto uno dei simboli della città. Il suo nome deriva dalla corporazione dei pescatori, incaricata di difendere questa zona di Budapest. Da qui si può ammirare uno splendido panorama della capitale ungherese: il palazzo del Parlamento si trova proprio sulla sponda opposta del Danubio. E’ stato costruito in marmo bianco, con sette torri che rappresentano le antiche tribù magiare che abitavano la zona.

Chiesa di Mattia

La Chiesa di Nostra Signora, costruita in onore della Madonna (patrona di Ungheria), di solito è conosciuta con il nomignolo di Chiesa di Mattia, ricevuto verso il 1470 in onore al re ungherese Mattia Corvino che la fece ristrutturare. All’esterno vi sono degli splendidi portali, mentre all’interno si trovano tre navate piene di vetrate e affreschi.

Terme a Budapest

Budapest è la città delle terme, e una delle capitali europee in cui gli stabilimenti termali sono letteralmente parte della vita quotidiana dei suoi abitanti. Sono quasi tutti bagni termali storici, con architetture eleganti e al contempo i migliori comfort.

Memento Park

Il “Memento Park”  (Parco delle Statue) che si trova a circa 10 Km. dal centro di Budapest, ben collegato sia con i bus che con la metropolitana assieme  alla Casa del Terrore (Terror Haza Muzeum) che si trova lungo la  via Andrassy rappresentano importanti testimonianze del regime comunista. 

Scarpe sulla riva del Danubio  

Le Scarpe sulla riva del Danubio  sono un memoriale dell’Olocausto. L’opera è un gruppo scultoreo che raffigura delle scarpe poste sul ciglio della banchina della sponda del Danubio sul lato di Pest e ricorda un massacro di cittadini ebrei compiuto dai miliziani del Partito delle Croci Frecciate durante la seconda guerra mondiale. Gli ebrei venivano trascinati lungo il fiume Danubio, legati a gruppi di tre e uccisi con un colpo alla nuca; i loro cadaveri venivano gettati nel fiume.

Andrássy út 

Andrássy út è il più importante viale di Budapest e nel 2002 è stato riconosciuto come Patrimonio Mondiale dell’Umanità.

La chiesa nella Roccia 

La chiesa nella Roccia è un luogo di culto cattolico situato sulla collina di Gellért.  Nella chiesa si può inoltre ammirare una targa commemorativa con incisi i nomi dei campi di concentramento in cui furono recluse centinaia di migliaia di persone nella seconda guerra mondiale.

La Grande Sinagoga 

La Grande Sinagoga  è il principale luogo di culto ebraico di Budapest. La Grande Sinagoga è senza dubbio una delle tappe imperdibili di Budapest. Non solo perché è la più grande d’Europa (e una delle più grandi al mondo), ma anche perché rappresenta una delle testimonianze più vivide della grandezza della cultura ebraica nell’Europa continentale.  Durante la visita risulta evidente la tragedia dell’Olocausto, mirabilmente rappresentata dalla scultura dell’artista ungherese Varga Imre. Un salice piangente dove sono incisi i nomi di tutte le vittime ungheresi dello sterminio perpretato dai nazisti ai danni degli ebrei durante la seconda guerra mondiale. L’opera è collocata nel cimitero ebraico annesso alla sinagoga.


Praga

Situata sul fiume Moldava, Praga è la capitale e la più grande città della Repubblica Ceca. Il suo centro storico è stato incluso nel 1992 nella lista dei patrimoni dell’umanità dell’UNESCO.

Tra i suoi soprannomi vanno ricordati “La madre delle città”, “Città delle cento torri” e “Città d’oro”.

Meravigliosamente Praga….

…..Con le sue chiesette, con i suoi sotterranei romanici, le chiese gotiche, i palazzi e i giardini barocchi, la mondanità degli edifici Liberty che si imprimeranno per sempre nella memoria.

……Con la birra che costa meno dell’acqua minerale, con un fiume così bello come la Moldava. Solo a Praga lo attraversano circa trenta tra ponti tra i quali il medievale ponte Carlo con le sue statue barocche. 

…..Con i giardini e i parchi storici che per i praghesi rappresentano uno dei tesori di Praga. Da essi si godono viste mozzafiato sulla città.

….Con il Castello di Praga che è il simbolo più importante dello Stato ceco. Fondato nel IX secolo, è stato la sede dei sovrani boemi e poi dei presidenti della repubblica.

….Con la Cattedrale di San Vito, cattedrale gotica, che rappresenta il simbolo spirituale dello Stato ceco.

….Con il Vicolo d’Oro (Zlatá ulička), una viuzza situata tra la Torre Bianca e la Torre Daliborka, formato da casette colorate dall’aspetto fiabesco dove, tra il 1916 ed il 1917, visse e  lavorò Franz Kafka.

…..Con il Ponte Carlo (Karlův most), il ponte più antico e importante di Praga. Fortificato su entrambi i lati da delle torri.

…..Con il Municipio della Città Vecchia con l’orologio astronomico (Staroměstská radnice s orlojem) nel quale, allo scoccare di ogni ora tra le 9 e le 23, appaiono i 12 apostoli.

….Con la Cattedrale di Santa Maria di Týn (Chrám Matky Boží před Týnem), uno degli edifici sacri in stile gotico più imponenti di Praga.